Header

diamondtattoo.it

Il sito che stai visitando ora.

LOGHI X 16

INKGROUP.it

Corporate aziendale del gruppo.

TATUATI FAMOSI: GLI INSOSPETTABILI

tatuati famosi

Tatuati famosi: la moda del tatuaggio non è affatto recente.

La storia vanta un interessante numero di tatuati famosi. Veramente degli insospettabili, dei veri esponenti del pensiero culturale e politico dell’occidente che sfoggiavano più o meno segretamente dei tatuaggi anche molto vistosi e interessanti.

Tra i tatuati famosi, partiamo forse dal più sorprendente: il pragmatico statista inglese Winston Churchill, che sfoggiava un’ancora sull’avambraccio. L’origine di questo tatuaggio decorativo resta sconosciuta, si può supporre che sia stato realizzato in gioventù quando Churchill era corrispondente estero in viaggio tra Cuba, Sudafrica e India. Il giovane Winston però non aveva certo portato scompiglio in casa con il suo tattoo, poiché sua madre, Lady Randolph Churchill sfoggiava un esotico serpente sul polso, secondo la moda delle “socialite” dell’epoca. 

Anche oltre oceano, negli USA la moda del tatuaggio ha contagiato potenti insospettabili come ben tre presidenti. Sia Teddy che Franklin Delano Roosevelt sfoggiavano sul petto lo stemma araldico della loro famiglia, i Roosevelt, una delle più antiche dello stato di New York. Tra i tatuati famosi, ben più strano e avvolto dal mistero è il tattoo del settimo presidente degli Stati Uniti: Andrew Jackson. Egli infatti sfoggiava un grosso tomahawk sull’interno coscia. Soggetto abbastanza anomalo per un presidente che ha autorizzato l’esproprio delle terre dei Cherokee e ha firmato l’Indian Removal Act, il documento con cui si legittimava la deportazione degli indiani.

Rimanendo negli USA, come non citare il criptico tatuaggio di Thomas Edison. Egli infatti sfoggiava uno strano tattoo sull’avambraccio, che raffigurava cinque punti posizionati come il numero cinque nei dadi. Il tatuaggio di Edison è molto interessante anche perché fu proprio lui a depositare il brevetto della penna elettrica che servì come base a Samuel O’Reilly per inventare la prima macchinetta elettrica per tattoo.

Ultimo tra i tatuati famosi americani è John Wilkes Booth, venuto agli onori della cronaca come assassino di Abramo Lincoln. Questo attore affermato portava un tattoo con le proprie iniziali sulla mano, pratica abbastanza in voga tra i personaggi dello spettacolo, anche di allora. 

Torniamo però in Europa e precisamente in Inghilterra dove tra i tatuati famosi, troviamo un altro insospettabile amante dei tattoo: George Orwell. Il famoso autore di “1984” e “La fattoria degli animali” sfoggiava un punto blu su ogni nocca, tipico tatuaggio protettivo della tradizione birmana, paese dove Orwell aveva soggiornato per diverso tempo.

Spostandoci poi in Russia, troviamo lo zar Nicola II, che dopo due anni passati in Giappone e la folgorazione ricevuta leggendo la Madama Butterfly decise di farsi tatuare un grande dragone sul braccio, questo tipico tatuaggio giapponese richiese ben sette ore di lavoro.

E’ evidente come il tatuaggio abbia sempre fatto parte della nostra cultura e sia sempre stato portato con orgoglio e un pizzico di mistero da uomini e donne famosi e importanti.

Spesso e volentieri, anche al Diamond Tattoo Monza, capita che gravitino personaggi più o meno famosi del mondo della televisione, dello sport e sempre più spesso del web! Forse in futuro, avremo personaggi famosi e lungimiranti che hanno deciso di farsi tatuare presso il Diamond Tattoo, e che ne scriveranno nelle loro memorie!